L’uso dell’acciarino in acciaio come risorsa per accendere il fuoco può essere ricondotto all’età del ferro, grazie ad alcuni rinvenimenti europei e medio-orientali.
Tecniche analoghe antecedenti la scoperta del ferro, consistevano nel colpire tra loro pietre focaie o mediante frizione di bastoncini di legno che, producendo attrito, creavano le braci dando inizio al processo di combustione.

Kit per l’accensione del fuoco: acciarino, selce, pirite, esche (lino carbonizzato e fungo)

 

Gli acciarini ricostruiti sono stati forgiati partendo da originali, seguendo per quanto possibile la tecnica di realizzazione antica; l’accensione riflette i gesti che anticamente venivano eseguiti e che permettono di ottenere un fuoco, utilizzando solo pochi altri oggetti quali un pezzo di selce ed un’esca naturale.